Il Gold è pronto per il Toro?

Scritto il alle 17:31 da WFTrading Roma

Tra le compagnie estrattive vi è una tendenza sempre più accentuata al Mergers & Acquisitions. Molte compagnie inoltre, per cercare di diminuire i costi di estrazione ed i pericoli legati alla stabilità dei paesi in cui si estrae, stanno preferendo paesi come Canada, America e Australia per i propri investimenti.

Questo fenomeno potrebbe in futuro stabilizzare ulteriormente i prezzi e gli stessi trend. Le dinamiche del Dollar Index non passano certo inosservate. Molti preferiscono, infatti, comprare società ed estrarre in paesi come il Canada, dove, grazie ad un dollaro in prospettiva sempre più forte, riescono con il solo cambio ad efficientare i costi estrattivi.

Anche se la domanda al dettaglio non è ancora molto forte, vista la crescita economica delle principali economie non ancora del tutto stabili (vedi il Pil Usa), la domanda dalla Cina per coperture future sul mercato Forex, sembra diventare un fattore determinante per un  prossimo trend toro. Molti, come il servizio di informazione di Bloomberg, si attendono un aumento delle riserve di 3.510 Tonnellate, di fatto triplicandole in soli 6 anni.

Quanto detto nel breve periodo invece, è ancora molto legato ai dati macro americani ed in particolar modo al prossimo venerdì, giorno in cui usciranno i dati sui Non-Farm Payrolls e sull’occupazione. Lo dimostra infatti l’ultimo movimento rialzista nel momento in cui sono usciti i dati sul Pil Americano. Questo perché se i dati fossero via via sempre più incoraggianti, aumenterebbero via via la probabilità che la Fed possa alzare i tassi di interesse già da settembre, anziché nelle successive riunioni. L’effetto sarebbe quello di aumentare l’appeal sul dollaro, diminuendo i prezzi dell’oro.

Per il momento i movimenti però hanno ancora vita breve. Le prese di profitto, una volta toccati i massimi di breve periodo, portano il mercato a subire movimenti contrari, veloci e violenti.

Ultima considerazione da fare prima dell’analisi tecnica, è sugli Open Interest. Il Cot (Commitments of Traders) di venerdì scorso evidenzia un aumento nell’ultimo mese, che potrebbe, vista la fase di lateralizzazione, far pensare ad una fase di accumulazione.

 Open Interestgrafico

Graficamente la commodity si trova in un range tra 1.220$ e 1.180$, con minimi relativi che sono scesi anche fino a 1168$.La trend line orizzontale a 1183$ rappresenta un supporto statico su base mensile che ha sì rotto, ma sempre per troppo poco tempo, mentre l’ultima fase di accumulazione, a seguito del crollo di febbraio, ha avuto come picco massimo solamente il 50% del movimento. In altri momenti questo segnale potrebbe esser visto come un segnale bearish, ma l’Open Interest, unito a dati americani forse non troppo esaltanti, potrebbero spingere il metallo prezioso ad uscire da questa fase, innescando un nuovo trend, con obiettivi iniziali, rappresentati dai precedenti massimi a 1308$ e 1319$.

Come sempre, analizzando anche eventuali stop, in caso di continuazione del trend bearish iniziato ormai nel 2013, bisognerà prestare massima attenzione sui livelli di 1128$. La rottura di questi minimi innescherebbe un segnale di continuazione del trend orso, che potrebbe fermarsi solo in area 846$, costi d’estrazione ed inflazione permettendo.

Dott. Valerio Corallo

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
Nessun commento Commenta

Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Non sono certo successe tantissime cose nell'ultima ottava. Anche se le aspettative su un elemento
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Signori, stiamo parlando di numeri impressionanti. Tanto per cominciare, guardate i dati sugli u
Il Ftse Mib apre la nuova settimana in leggera correzione dopo lo spunto rialzista messo a segno nel
Guest post: Trading Room #281. Siamo quindi arrivati al target tanto atteso: area 24000 punti del
L'Unione europea prevede regole comuni per tutelare i diritti previdenziali dei cittadini che si spo
Analisi Tecnica Il nostrano esce dalla parte alta del trading range ponendo il target in area 242
Stoxx Giornaliero Buonasera, tutto invariato sullo Stoxx. Si aggiunge un’altra settimana
DJI Giornaliero Buongiorno e ben ritrovati con il nostro appuntamento mensile sul Dow Jones.