Il Forex oggi!

Scritto il alle 10:52 da WFTrading Roma

Le politiche espansive della BoJ e quelle che forse verranno della BCE rivalutano il dollaro sulle proprie valute, così come sulle altre per un effetto trascinamento dovuto alle correlazioni con gli altri cross valutari. Le correlazioni tra le maggiori valute oggi come oggi non possono quindi esser tralasciate. C’è il serio rischio di commettere errori superficiali che si tramuterebbero in perdite costanti.

Molti gestori stanno cercando soluzioni durature per la propria operatività, poiché oggi le valute hanno movimenti sempre più in linea con l’analisi fondamentale (difficilmente standardizzabile in programmi di trading system più o meno complessi). Capire però le conseguenze delle decisioni prese dalle banche centrali offre dei “rigori” che il trader non può non calciare.

Ecco il cambio dollaro/yen, che dopo l’impennata avviata ormai già dal 2012, ma ripreso con irruenza dallo scorso ottobre, ora vede una fase di consolidamento tra gli ultimi massimi raggiunti (121,80), ed il minimo evidenziato dal supporto statico a 115,6.

Il forte trend bullish non è ancora però arrivato ai massimi evidenziati con le due resistenze statiche (trendline rosse), il ché ci porta ad evitare operazioni contro trend, ma ad aspettare livelli migliori come 115,6 o 109,31.

 

dollaro yen

Sul cambio euro/dollaro, come più volte discusso, la forza dei dati macro americani, paragonati a quelli europei, ha portato il cambio a bucare persino il livello di 1,20, portandolo ad 1,1877 ed a violare, almeno per il momento l’altro importante supporto statico a 1,1875. L’ultimo supporto forte dal quale potrebbe ricominciare a lateralizzare su range sufficientemente ampi è costituito dal minimo del 2005 a 1,1638.

Nel caso (abbastanza probabile) in cui Draghi non riuscisse a trovare l’unanimità sul quantitative easing europeo e posticipasse alla prossima riunione gli interventi sognati, si potrebbe vedere un apprezzamento dell’Euro fino anche a 1,2678.

 

Eurodollaro

 

E la correlazione di cui parlavamo all’inizio?

Sul cross valutario tra Sterlina e Dollaro, la prima ha subito gli effetti della forza del dollaro, creando un movimento simile a quello dell’eurodollaro, ma con trappole, come quella evidenziata dal supporto statico a 1,5429 che hanno rappresentato per molti uno stop.

Il supporto dinamico di lungo periodo, rappresentato dalla trendline blu, potrebbe esser violato con la stessa facilità di quello statico. Le correlazioni possono esser così sfruttate per capire quando effettivamente è cambiato il trend ed entrare con una maggiore certezza. Ecco che allora, nel momento in cui l’Euro si dovesse apprezzare sul dollaro per i motivi sopra citati, si potrebbe entrare anche sulla sterlina. In questo caso, entrando alla rottura della resistenza dinamica di medio periodo (linea verde), con la conferma del movimento dell’Euro, si riuscirebbe a diminuire il rischio.

In caso di rottura, livelli come 1,5780 o 1,5900 potrebbero rappresentare ottimi target.

 

sterlinadollaro

Oggi come oggi, il Forex sembra sempre più disciplinato da logiche di politica monetaria, che creano trend sempre più grandi. Per tale motivo crediamo sia meglio entrare alle rotture di supporti o resistenze, seguendo il trend, piuttosto che “scommettere” sulla tenuta delle stesse trendline.

Dott. Valerio Corallo

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Periodo di trimestrali USA e non solo. Qui vi presenterò un sunto di quanto sta accadendo; ma non
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Il FMI scopre l’acqua calda. Nel World Economic Outlook il Fondo Monetario Internazionale ha c
Probabilmente molti di Voi non ci hanno fatto caso ma in settimana tra le righe in anteprima vi
Avvio in marginale ribasso per il Ftse Mib che comunque resta in quota sopra 23.700 in una situazion
Tra gli alti ed i bassi teoricamente imprevedibili, qualcosa di molto metodico, invece, è visib
La Covip da anni denuncia una voragine informativa specie per quanto riguarda la cultura previdenzia
Ieri è uscito il libricino della Federal Reserve e all'improvviso sono tornati in augue i teori
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec